Pari e spettacolo: Florigel Andria e Azzurri Conversano si dividono la posta in palio

Il ritorno nel “Palasport” di corso Germania è agrodolce per la Florigel Andria che impatta nella sfida con l’Azzurri Conversano dopo 40 minuti palpitanti. Finisce 4-4 il match tra il quintetto andriese, orfano di Acquaviva, Tortora e De Feo, e il collaudato roster di mister Andrea Rotondo.

Partono forte i padroni di casa che dopo appena 90 secondi trovano il vantaggio. Cristiani in contropiede trova l’opposizione di Meuci, ma la sfera arriva sui piedi di Ferrucci che a porta vuota sigla l’1-0. Poi Somma ha sui piedi la palla del 2-0 ma l’estremo barese gli dice di no. Nell’azione successiva il Conversano trova il pari: Caradonna indisturbato parte da sinistra, si accentra e insacca Achille per l’1-1. Il match diventa frenetico con occasioni da una parte e dall’altra, ma a 5 minuti dal riposo il sinistro di Sciannamblo vale il sorpasso dei baresi. All’intervallo è Conversano avanti 2-1.

Nella ripresa l’Andria continua a subire gli attacchi degli ospiti ma al 6’ pareggiano i conti. Punizione di Palermo e botta angolata di Ferrucci che firma il 2-2 e la sua personale doppietta. La gara cambia nuovamente inerzia e la squadra di Rutigliani conquista due tiri liberi. Sul primo Palermo trova l’opposizione di Meuci, ma sul secondo il laterale ex Bitonto trova l’angolo giusto per il nuovo sorpasso andriese. I 7 minuti finali regalano ancora emozioni: il diagonale di Sciannamblo vale il 3-3, poi ancora un inarrestabile Ferrucci realizza il suo tris personale per il 4-3 a 90 secondi dalla fine. Il Conversano si riversa in avanti alla ricerca del pari e lo trova con il tapin vincente di Caradonna per il definitivo 4-4. L’Andria ha l’occasione per il vincere il match, ma sulla sirena Lovino trova la doppia opposizione di Meuci. Un punto che accontenta entrambe le compagini e che permette alla Florigel Andria di restare nelle zone nobili della classifica. Il campionato di serie C1 adesso si ferma a causa dell’emergenza Covid in attesa di poter capire quando sarà possibile tornare in campo.